Villaggio Coldiretti Torino

Data evento: 15-06-2018
Il centro di Torino apre a Coldiretti: oltre settecentomila persone presenti

Il centro di Torino, da venerdì 15 a domenica 17 giugno, è stato scelto per far conoscere il contributo dell’agricoltura alla storia e allo sviluppo del Paese attraverso il Villaggio contadino della Coldiretti del Nord Ovest: Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta protagoniste assieme alla Fattoria Didattica Beccaria!

All’interno dei Giardini Reali Superiori sono state riservate aree per la ristorazione con il coinvolgimento degli Agrichef degli Agriturismi di Campagna Amica, che hanno cucinato le tipicità gastronomiche del territorio. Ampio spazio è stato dato all’Educazione alla Campagna Amica e alle fattorie didattiche con la realizzazione di laboratori per grandi e piccini mentre il Villaggio delle idee ha visto la partecipazione di giovani imprenditori, studenti, ricercatori e start up che si sono confrontati su tematiche di sviluppo del settore agroalimentare.

La storica Piazza Castello, invece, ha ospitato il più grande mercato a km 0 di Campagna Amica, con la partecipazione di aziende agricole provenienti dalle tre regioni e specifiche aree sono state dedicate all’agricoltura sociale per aiutare le categorie più deboli e alla solidarietà con le specialità delle aree terremotate offerte dagli agricoltori colpiti dal sisma.

Oltre settecentomila le persone che hanno visitato i trentamila metri quadrati di mercati, cibo di strada contadino ed esposizioni ad hoc, dove è stato possibile acquistare direttamente dagli agricoltori le eccellenze del made in Italy ma anche gustare i piatti di altissima qualità degli agrichef a prezzi popolari, per dare a tutti la possibilità di vivere un giorno da gourmet.

La rassegna #stocoicontadini ha dunque ospitato circa 200 stand tra mercati degli agricoltori, aree del gusto, street food, stalle, agriasili, fattorie didattiche, orti, antichi mestieri, pet therapy, laboratori, trattori e nuove tecnologie e workshop, assieme a oltre ventimila agricoltori provenienti non solo da Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, ma anche da altre regioni del Nord Italia e dalle aree terremotate.

Nella tre giorni sono state raccolte anche le firme per la campagna #stopcibofalso per chiedere alla Ue l’etichettatura d’origine su tutti i prodotti alimentari. Tra le varie aree una delle più “gettonate” è stata sicuramente la fattoria degli animali dove gli splendidi esemplari di mucche, cavalli, asini, maiali, polli, tacchini e conigli hanno attirato l’attenzione di grandi e bambini, con una notazione particolare alla minuta Pezzata Rossa Oropa e alla Cabannina considerata a rischio di estinzione fino all’asino Pantesco di Pantelleria che ha entusiasmato soprattutto i più piccoli.

Decine di migliaia di bambini hanno invaso l’area riservata ai piccoli che nell’agriasilo e nella fattoria didattica hanno imparato a impastare il pane, a zappettare l’orto, a riconoscere le diverse varietà di piante e…a fare la vendemmia partecipando all’attività della nostra Fattoria Didattica con Laura e la Vendemmia strana del Signor Felice Panada.

Per i giovani l’appuntamento clou è stato, invece, al Villaggio delle idee sul futuro del lavoro con i tutor che hanno spiegato come avviare un’impresa agricola, quali sono le difficoltà da superare ma anche quali sono le opportunità per chi vuole trovare un futuro con un lavoro legato alla terra.
Il successo del Villaggio contadino a Torino è la testimonianza dell’enorme crescita della sensibilità degli italiani vero stili di vita sani e in equilibrio con la natura per i quali l’agricoltura nazionale può offrire i primati conquistati nella qualità, nella sostenibilità ambientale e nella sicurezza alimentare a livello europeo e mondiale.